Cospargere correttamente il concime

Per una crescita ottimale dell'erba

L’azione di un concime per prati è garantita soltanto se viene applicato correttamente e nella giusta quantità

Cospargere correttamente il concime per prati: come concimare correttamente

 

 

La ridotta crescita del prato, la formazione di macchie gialle o di tante erbacce sono segnali che indicano una carenza di minerali e oligoelementi. Esistono dei concimi speciali che forniscono al prato il nutrimento necessario e che favoriscono una crescita sana e rigogliosa. L’azione del concime per prati è però garantita soltanto se viene applicato correttamente. Dipende soprattutto dalla quantità - trovate qui di seguito ulteriori informazioni sul corretto impiego del granulato per prati.

Contenuto

La giusta quantità – quanto concime mettere nello spandiconcime?

Il meno possibile e non più di quanto strettamente necessario. Questo principio vale anche per quanto riguarda la quantità ottimale del concime per prati. Troppo poco concime può favorire la formazione di muschio e erbacce rendendo il prato più soggetto alle malattie. Una quantità eccessiva di concime può aumentare il rischio di una crescita discontinua, di «bruciature» o di malattie. Soltanto un dosaggio corretto, che corrisponde a una via di mezzo, favorisce una crescita ottimale del prato.

Oltre a acqua, ossigeno e biossido di carbonio, il prato necessita soprattutto dei seguenti minerali: azoto per la crescita, fosforo per il metabolismo e il rafforzamento delle radici, potassio per la resistenza al caldo, al freddo e alle malattie nonché magnesio per la salute generale. Per stabilire la dose esatta da mettere nello spandiconcime, è quindi importante conoscere il fabbisogno di nutrimento del terreno. Detto fabbisogno può essere stabilito con l’aiuto di un’analisi del suolo professionale e la successiva analisi di un campione in laboratorio. Riceverete un rapporto scritto che definisce tra l’altro il dosaggio di concime ottimale per il vostro terreno. Vi consigliamo di provvedere circa ogni tre anni a un’analisi del suolo professionale.

Se decidete di non farla, potete orientarvi per quanto riguarda il corretto dosaggio del concime per lo spandiconcime in caso di dubbio sulle informazioni riportate dal produttore. A tale scopo procedete nel modo seguente:

  1. misurare la superficie da concimare del prato (lunghezza [m] x larghezza [m] = superficie [m²]).
  2. Moltiplicare la superficie con la quantità consigliata per metro quadro (quantità consigliata [g/m²] x superficie del prato [m²] = quantità di concime necessaria [g/m²]).
  3. Pesare la quantità giusta e dividerla in due metà. Distribuirla con lo spandiconcime prima in verticale e poi in orizzontale. Lo spandiconcime va regolato prima di iniziare con la concimazione.

Come cospargere il concime per prati: utilizzare correttamente lo spandiconcime

Per evitare nel caso di una concimazione manuale un dosaggio eccessivo o non uniforme, vi consigliamo l’impiego di uno spandiconcime o di uno spargitore manuale. La concimazione avviene quindi in modo veloce, efficace e soprattutto uniforme.

Esistono spandiconcimi dalle diverse capacità e larghezze di applicazione – la scelta del modello dipende dalle dimensioni del prato. Riempire il contenitore dello spandiconcime con concime minerale solido e regolare la quantità di concime in grammi da distribuire per metro quadro (g/m²). La concimazione si attiva non appena le ruote iniziano a girare. Spingere lo spandiconcime sul prato fino a concimare tutta la superficie. Distribuire il concime in due porzioni: una in verticale e l’altra in orizzontale. Questa procedura garantisce una distribuzione più uniforme e previene da macchie inestetiche.

Consigli pratici per la concimazione (con lo spargitore manuale/spandiconcime)

  • Tosare l’erba uno a due giorni prima della concimazione. Il concime si distribuisce meglio sull’erba corta.
  • Non riempire lo spandiconcime sull’erba stessa. Il concime che fuoriesce può causare «bruciature».
  • Concimare soltanto l’erba asciutta. Il concime applicato su erba umida si attacca ai fili e può bruciarli. Toccare quindi prima con la mano per controllare se l’erba è asciutta.
  • Consigliamo di concimare prima che piova. Il concime può penetrare quindi meglio nel terreno e agire immediatamente. Se non piove, annaffiare il prato dopo la concimazione.
  • È preferibile concimare la sera, quando le temperature sono più basse. Non concimare quando fa troppo caldo.

Disdetta avvenuta.