Piante da balcone per principianti

Piantare correttamente sul balcone

Consigli per la scelta delle piante, del terriccio e del periodo adatto.

Piante da coltivare sul balcone: i nostri consigli migliori

Il balcone può essere lo spazio ideale per rilassarsi in primavera e in estate. Bastano poche piante, ben scelte e ben curate, per sentirsi in una piccola oasi. Ma al momento della messa a dimora occorre osservare alcuni aspetti. Scoprite qui come coltivare le vostre piante.

Contenuto

Quando iniziare con la messa a dimora delle piante sul balcone?

Agli appassionati dei balconi interessa soprattutto sapere quando iniziare con la messa a dimora delle piante per avere in estate un balcone ricco e rigoglioso. Si preferisce acquistare già piante coltivate e piantarle direttamente nelle fioriere. Il periodo adatto per la messa a dimora dei fiori estivi è metà maggio – perché in questa stagione non ci sono più gelate notturne che potrebbero danneggiare le piante.

A chi desidera avere un balcone bello fiorito già in primavera consigliamo la messa a dimora di bucaneve o crocus: per garantire una fioritura in tempo, piantare i bulbi già nei mesi invernali. La procedura è identica per i giacinti e i tulipani. Un consiglio: per non far gelare i bulbi delicati durante i mesi invernali, vi consigliamo di coprire i vasi per fiori abbondantemente con rami di abete. Questi proteggono da gelo, neve e ghiaccio.

Siete alla ricerca di piante facili da curare e resistenti al freddo? Optate quindi per le piante perenni. Dette varietà resistono per diversi anni ai mesi invernali rigidi e in primavera e in estate riprendono a fiorire abbondantemente. Le piante perenni sono particolarmente adatte per gli amanti dei balconi che non hanno troppo tempo per la messa a dimora e la cura. Ecco alcuni esempi:

  • bosso ad alberello
  • ortensie
  • lavanda
  • rose
  • velo da sposa

Quale terriccio è adatto per le piante da balcone?

Chiunque è stato almeno una volta in un centro edile sa: l’offerta di terricci per fiori è ampia. Ma qual è quello più adatto per le piante da balcone? È fondamentale che il terriccio per piante da balcone presenti determinate caratteristiche: prima di tutto deve offrire alle vostre piante una buona tenuta e quindi una determinata densità. Detto fattore è molto importante per assicurare una posizione ben fissa delle piante nel vaso e per evitare che si muovano in caso di vento forte o pioggia.

Molti si chiedono anche se occorre utilizzare per ogni pianta un terriccio diverso in quanto ogni singola varietà ha esigenze differenti. Il seguente orientamento può esservi d’aiuto:

  • Piante annuali: terriccio per piante da balcone comune
  • Piante perenni: terriccio per piante da balcone con concime ad azione lenta
  • Erbe aromatiche e verdura: terriccio per piante da balcone bio e/o terriccio per erbe aromatiche

Da Coop Edile+Hobby trovate anche numerosi terricci speciali. Anche questi rappresentano un’opzione intelligente. Per la coltivazione di lamponi o mirtilli ad esempio è preferibile acquistare uno speciale terriccio per bacche. Questo è in grado di offrire ai cespugli tutte le sostanze necessarie per una crescita sana. I terricci speciali sono ideali anche per cactus, bonsai e orchidee.

Piantare correttamente sul balcone: ecco a cosa prestare attenzione.

Prima di iniziare con la messa a dimora delle piante assicurarsi che i vasi siano puliti. Per la pulizia vi consigliamo l’impiego di uno scopino. Spazzolare bene le fioriere e i vasi. Quindi passare un panno umido. Spesso, i vasi sono ricoperti di residui di calcare ostinati. Per la loro rimozione basta immergerli in un bagno d’acqua diluito con qualche spruzzo di aceto e/o acido citrico.

Pensare quindi alla posizione adatta delle vostre piante sul balcone: alcune prediligono posizioni soleggiate, altre piuttosto l’ombra. La scelta delle piante dipende dalla disposizione del vostro balcone. Se è orientato verso sud, la messa a dimora di piante che non prediligono posizioni soleggiate non comporterà una bella fioritura rigogliosa. Identico il discorso per il contrario: se il vostro balcone è orientato verso nord o est, è scarsamente esposto ai raggi solari. Per questo è poco adatto per piante che richiedono tanto sole.

Per i balconi orientati verso sud sono consigliate piante mediterranee come rosmarino, lavanda, gerani, petunia e salvia. I balconi ombreggiati invece possono essere decorati con fiori di vetro, campanula, begonie, dipladenie, margherite e fucsia. Al momento dell’acquisto delle piante fare attenzione che siano adatte al vostro balcone. Trovate ulteriori informazioni sulla confezione dei semi o su foglietti fissati alle piante.

Una volta pronti tutti i vasi e piante si può procedere con la messa a dimora. Un consiglio: piantare nelle fioriere da cinque a sette fiori per metro. Iniziare con uno strato drenante per permettere all’acqua di annaffiatura in eccesso di defluire. Ad esempio l’argilla espansa è adatta per detto strato. Coprire con uno strato sottile di tessuto non tessuto per evitare un infangamento. Versare quindi terriccio per fiori nei vasi e nelle fioriere. Prima di piantare le piante bagnarle: prendere la pianta con il vaso in plastica e immergerla nell'acqua fino a quando non emergeranno più bolle d'aria. Quindi togliere il vaso in plastica. Un consiglio: se non riuscite a toglierlo, basta batterlo leggermente e rimuoverlo lentamente con cautela. In questo modo le radici si staccheranno meglio dalla plastica. Assicurarsi che le radici non siano infeltrite e, se necessario, smuoverle per poter piantare meglio la pianta. Coprire quindi le radici nel vaso con terriccio. Lasciare uno spazio dal bordo per l'annaffiatura - sono sufficienti all’incirca 2 centimetri.

Altri consigli sull’argomento

Disdetta avvenuta.