Materiale per il terrazzo?

La scelta giusta

Questi criteri vi aiutano nella scelta del materiale adatto per la pavimentazione del vostro terrazzo.

Doghe per terrazzi: quale materiale scegliere per il vostro terrazzo?

Legno, WPC, pietra naturale o calcestruzzo - non è sempre facile decidere tra l’ampia scelta di materiali per la pavimentazione del vostro terrazzo. Oltre alle preferenze personali, che possono influire sulla scelta, sono determinanti anche criteri come utilità, qualità, aspetto e prezzo. Vi presentiamo i vantaggi e gli svantaggi dei materiali disponibili e vi aiutiamo nel trovare la soluzione adatta.

Contenuto

Quale materiale per il terrazzo: doghe o piastrelle?

La scelta della pavimentazione adatta è decisiva per la pianificazione del vostro terrazzo. Il materiale scelto influisce direttamente sul carattere e l’aspetto del vostro futuro «soggiorno» esterno. Una della domande principali è: è meglio scegliere doghe o piastrelle? Le doghe dalle tonalità di legno emanano calore e sono adatte in ambienti frequentati senza calzature, però richiedono tanta cura. Le lastre di pietra, invece, hanno un effetto più freddo, sono però molto facili da curare.

Si pensa che conta soltanto il gusto personale nella decisione. Eppure non è così facile come sembra. Il materiale oltre ad abbinarsi al vostro stile personale deve rispecchiare anche il restante arredo della casa. Con la corretta pavimentazione potete conferire un tocco particolare influenzando l’effetto architettonico in modo mirato. Una casa sobria e moderna può risultare con doghe in legno sul terrazzo molto più calda, mentre una moderna pavimentazione in pietra può dar nuova bellezza alla vostra vecchia abitazione.

Oltre all’effetto ottico, per tanti è altresì importante il dispendio di tempo approssimativo nel rispondere alla domanda quale materiale scegliere preferibilmente per il terrazzo. Quanto impegnativa deve essere la realizzazione del terrazzo? Le doghe sono facilmente posabili su pavimentazioni già esistenti, mentre la posa di pavimenti in calcestruzzo o pietra naturale sostituisce il rivestimento esistente e richiede molto più tempo e lavoro. 

Pavimentazione per terrazzo tipo legno: classiche doghe in legno o pratica pavimentazione in WPC?

La questione doghe o piastrelle non corrisponde soltanto a una decisione tra legno e pietra. Per il terrazzo esiste anche la variante della pavimentazione in WPC, disponibile sia sotto forma di piastrelle che di doghe. WPC è un composito di legno e materiale sintetico (Wood-Polymer-Composite), che raggruppa i vantaggi del legno e della plastica. Indipendentemente se piastrelle o doghe - WPC riflette il calore di un pavimento in legno, è facile da posare, privo di schegge e duraturo, senza la necessità di doverlo oliare o verniciare.

Le piastrelle in WPC sono lastre fissate su grigliati. Questi sono dotati di occhielli, utili per poter posare le piastrelle, in modo analogo al laminato ad incastro, tramite un sistema di ancoraggio semplice e veloce. Le piastrelle in WPC sono un’alternativa estetica molto bella, economica e di facile cura per la pavimentazione esterna. Vanno però posate sempre soltanto su una base dritta, completamente asciutta. Le piastrelle in WPC esposte per un lungo periodo all’umidità sono soggette alla formazione di muffa e al deterioramento. Le doghe in WPC funzionano in fondo esattamente come le classiche doghe in legno, l’unica differenza è che sono notevolmente più facili da curare e più resistenti grazie alla percentuale di materiale sintetico presente.

Panoramica dei vantaggi e degli svantaggi di WPC

+ facile lavorazione e posa

+ resistente ai raggi UV e alle intemperie

+ di facile cura e duraturo

+ adatto in ambienti frequentati senza calzature e antiscivolo

+ disponibile in tante tonalità di legno

+ privo di schegge

- sbiadisce leggermente con il tempo se non curato

- le piastrelle non sono adatte a tutti i supporti

Un pavimento in legno naturale rappresenta per tanti il materiale più bello per la pavimentazione di un terrazzo. Il legno è piacevole al tatto, emana calore e, nel frattempo, è disponibile anche sotto forma di piastrelle. Il facile sistema a clic permette di unire le piastrelle in legno formando delle superfici dalle dimensioni variabili. Le tradizionali doghe per terrazzo vanno posate su un supporto stabile e fissate con gli appositi accessori come viti e clip.

Il metodo di posa è meno importante, quello che conta di più è la scelta della varietà di legno adatta. Quale materiale è quello più resistente per un terrazzo? Più duro il legno più a lungo rimarrà bello e stabile. Rovere o faggio sono delle varietà di legno particolarmente pregiate, adatte per l’uso all’esterno e per questo sono più costose. I legni teneri come douglasie o pino sono più economici e grazie al trattamento termico o all’impregnazione più resistenti. Il legno va però trattato regolarmente con un olio specifico per garantirne il suo aspetto elegante nel tempo.

Panoramica dei vantaggi e degli svantaggi del legno

+ aspetto caldo e naturale

+ piacevole al tatto

+ grande scelta di caratteristiche, qualità e prezzo   

- cura relativamente impegnativa con olio per legno

- scivoloso se molto bagnato

- formazione di schegge

Quale pietra scegliere? Piastrelle in pietra per il terrazzo

Se non desiderate una pavimentazione in legno o WPC per il vostro terrazzo, esiste anche la variante in pietra. Ma anche in questo caso ci sono delle differenze:

  • la pietra naturale è la variante più semplice ed elegante. Conferisce al vostro terrazzo un aspetto elegante e mediterraneo, è particolarmente stabile, resistente al gelo e facile da curare. Visto che si tratta di un prodotto naturale, con il tempo il colore può subire delle variazioni, un problema soprattutto se si vuole acquistare lo stesso tipo in un secondo momento.
  • Il calcestruzzo è più economico della pietra naturale e comunque molto duraturo. È altrettanto resistente al gelo e facile da curare e disponibile in diversi design. Dal punto di vista puramente ottico, il calcestruzzo ha un effetto più «triste» rispetto alla pietra naturale.
  • Le piastrelle in ceramica si contraddistinguono per un tocco mediterraneo e superfici resistenti. Non sbiadiscono e diventano difficilmente ruvide. Inoltre, sono resistenti allo sporco e facili da pulire. La loro posa risulta però più difficile e laboriosa e richiede una buona abilità tecnica e attrezzi adatti.

Disdetta avvenuta.