Direzione ottimale di un terrazzo

Consigli sulla direzione del terrazzo

Cosa è meglio, una posizione fresca ombreggiata o in pieno sole?

Un terrazzo comodo - quale direzione scegliere?

Se oggigiorno si pianifica di costruire una casa non va dimenticato il terrazzo. Non c’è da sorprendersi, a chi non piace l’idea di fare colazione all’aperto, di organizzare in giardino un’allegra grigliata o di prendere la tintarella? Una questione importante è la direzione del cielo adatta per il terrazzo. Con i nostri consigli speriamo di semplificarvi la scelta.

Contenuto

Qual è la direzione ideale per il terrazzo?

Non appena le temperature si alzano, tutti vogliono trascorrere quanto più tempo possibile all’aperto. Il proprio terrazzo è il luogo adatto. Potete godervi in tutta tranquillità la natura senza dovervi preoccupare dello spazio. Sono tanti i motivi a favore della costruzione di un terrazzo. Indipendentemente se pianificate una casa propria o una ristrutturazione - se amate stare all’aperto l’investimento conviene in ogni caso.

Prima di pianificare i dettagli per la forma del terrazzo o di scegliere il rivestimento occorre definire la sua direzione. In alcuni casi, la direzione è già prestabilita. Ad esempio nel caso di determinate disposizioni edili che dipendono dall’area circostante alla casa - come un pendio nonché la distanza dalle case vicine. Ma è fondamentale anche la ripartizione dei locali all’interno della casa. Se non dovete prendere in considerazione questi fattori, si può scegliere tra le quattro direzioni del cielo. La decisione spesso non è facile, perché tutte le varianti hanno vantaggi e svantaggi. Il lato positivo è che in questo modo potete adattare il terrazzo completamente alle vostre esigenze.

Sud, nord, est, ovest – quale direzione è la migliore per il vostro terrazzo?

Al momento della scelta dell’appartamento o della casa, spesso, la variante con una direzione verso sud viene offerta come la migliore. Per gli amanti del sole, sarà così, dato che possono approfittare di tantissime ore di sole e abbronzarsi. Anche le stanze sono particolarmente illuminate grazie alla luce che attraversa le vetrate di porte e finestre del terrazzo. Però, proprio in estate, il tutto può rappresentare anche uno svantaggio a causa del calore.

Una direzione verso nord è la variante meno frequente. Chi la sceglie spesso lo fa per motivi edili. Di regola, un terrazzo rivolto verso nord è sempre all’ombra. Nelle calde giornate estive può essere piacevole, ma in primavera e in autunno è troppo freddo per trascorrerci del tempo. Con un’apposita tettoia e vetrate flessibili è possibile trasformare un terrazzo rivolto verso nord già esistente in un giardino d’inverno riscaldabile, adatto anche come studio. Se però preferite trascorrere diverse ore all’aria aperta per rilassarvi, vi sconsigliamo di dirigere il vostro terrazzo verso nord.

Una direzione verso est è ideale per i mattinieri. Potete godervi pienamente il sole mattutino, fare colazione e lasciarvi scaldare già a prima mattina dai primi raggi del sole. Quando il sole raggiunge verso l’ora di pranzo la massima altezza sull'orizzonte, inizia a scomparire e il muro di casa vi offre una piacevole ombra. Anche le piante prediligono questo piacevole mix di luce solare e ombra protettiva.

Un terrazzo in direzione ovest invece è adatto a chi ama trascorrere il pomeriggio e le serate all’aperto. Il sole è meno alto e risulta meno forte rispetto alle ore di pranzo. In estate è comunque possibile farsi il bagno e godersi il tramonto. L’assenza di sole mattutino può essere anche vantaggiosa perché soprattutto quando fa molto caldo si apprezzano le piacevoli temperature mattutine.

Abbellire il terrazzo con fiori e piante

Fiori e piante variopinti, un must per il vostro terrazzo. Per la giusta scelta dei fiori e delle piante è altresì importante la direzione del terrazzo: alcuni prediligono una posizione piuttosto fresca e ombreggiata, altri invece richiedono tanta luce e caldo. In una posizione esposta ai raggi diretti del sole è possibile coltivare in appositi vasi addirittura frutta e verdura, come ad esempio pomodori o fragole.

Disdetta avvenuta.